Blog: http://gioischia.ilcannocchiale.it

Apocalypto : "violento è sanguinario"

Arriva in Italia il 5 gennaio 2007 il nuovo film di Mel Gibson.L'esordio in Usa è stato "tiepido",ma quello chè è emerso di Apocalypto è la violenza sanguinaria delle immagini.Si dice più forteaddirittura de "La passione di Cristo"!!Vedremo...

Qui
 le prime recensioni "contrastanti" del film
La scheda del film
La Passione di Cristo, la mia recensione

Clicca Play per vedere il trailer

Obiettivo centrato: Mel Gibson ha sollevato un polverone, servendo per Natale teste mozzate su un piatto d'argento. Il suo nuovo film, "Apocalypto", la storia di una comunità maya e di un uomo che cerca di salvare se stesso e la sua famiglia dalla morte, nelle sale americane dall'8 dicembre, ha conquistato il primo posto al boxoffice, ma è stato giudicato di una violenza inaudita e più sanguinario della "Passione di Cristo".Il violento film di Gibson, che ha ricevuto accoglienze discordanti dalla critica e in questo fine settimana ha incassato la somma di 14,2 milioni di dollari, racconta l'estinzione dei Maya. Gibson descrive il periodo turbolento e la fine epocale della grande civiltà Maya interamente in lingua maya yucateco. La parola greca "Apocalypto" in italiano significa: "Mostrare la verità" o "un nuovo inizio". La trama ruota intorno a un uomo che affronta un viaggio pericoloso in un mondo regolato dalla paura e dalla oppressione. Ad attenderlo è una fine straziante. In seguito ad uno scherzo del destino spinto dalla forza dell'amore per la sua donna e la sua famiglia, cercherà di tornare a casa per salvarsi la vita. Il tutto si svolge in un opulento, ma decadente regno Maya, prima dell'occupazione spagnola. I critici accusano Gibson di aver descritto l'antica civiltà, come troppo violenta e sanguinosa, sorvolando sul fatto che fu una delle più geniali e laboriose. Qualcuno lo addita come ossessionato dalle guerra e dalla violenza e si fa forte dell'incidente di qualche mese fa, quando Gibson si lasciò scappare davanti agli agenti che "gli ebrei sono la causa di tutte le guerre", lanciandosi in una tirata anti-semita da far rabbrividire. Altri invece lo stimano per la forza delle scene che ha rappresentato e per il loro impatto visivo.Insomma, il regista che ha prodotto e ideato "Apocalypto", sceneggiandolo con Farhad Safinia, è riuscito ancora una volta a far discutere.Il suo nome è sulla bocca di tutti, da Hollywood allo Yucatan. Proprio qui infatti Gibson ha reclutato gran parte del suo cast, interamente composto da popolazioni indigene americane, attori semi-professionisti scritturati tra lo Yucatan e altre regioni messicane e l'operazione è piaciuta agli indigeni che aspiravano a recitare nei grandi kolossal. (TgCom)

 

Pubblicato il 18/12/2006 alle 15.59 nella rubrica Cinema.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web